Alloggi per anziani

Una cinquantina di appartamenti destinati agli anziani ancora autosufficienti. È quanto il Municipio propone di realizzare facendo capo a un terreno situato nei pressi dell’Istituto San Carlo a Solduno. Il Consiglio comunale ha approvato il relativo messaggio municipale nella sua seduta del 9 febbraio 2015.

Per concretizzare questi intenti, verrà concesso in diritto di superficie il terreno sul quale realizzare gli alloggi previsti. Si tratta di un’area posizionata in zona centrale, vicina a diversi negozi e servita dai mezzi di comunicazione.

Per la concessione del diritto di superficie, della durata di 52 anni prolungabili è stato fatto un pubblico concorso. Nella fase successiva sarà messa a concorso anche la progettazione del complesso abitativo.

Per partecipare al concorso si sono annunciate 13 ditte o enti e solo una ha aderito al concorso. Si tratta di ATISA (Alloggi Ticino SA) . Nelle prossime settimana il Municipio analizzerà l’offerta.

Il bando di concorso è stato elaborato con l’aiuto della Confederazione nel quadro di un progetto modello. I requisiti più importanti del bando erano la garanzia di praticare affitti entro il limiti riconosciuti dalle prestazioni complementari AVS/AI e di mantenere la destinazione sociale degli alloggi per tutto il periodo del diritto di superficie (52 anni).

Il fatto che solo ATISA abbia partecipato al concorso (scaduto il 30 giugno) prova che in Ticino i progetti di alloggi a pigione moderata con garanzia della destinazione nel lungo termine, molto diffusi negli altri Cantoni, sono ancora poco praticati.

L’obiettivo è di realizzare un complesso residenziale di buona qualità architettonica, che metta sul mercato appartamenti destinati agli anziani autosufficienti applicando affitti contenuti, in sintonia con le possibilità finanziarie spesso ridotte delle persone in età.

Ciò consentirà da un lato di permettere agli anziani, di età sempre più avanzata, di rimanere il più a lungo possibile in casa propria, con evidenti benefici a più livelli. Dall’altro risulterà anche possibile ridurre la lista d’attesa dell’Istituto San Carlo.

Se tutto procederà come auspicato, il cantiere per la nuova edificazione potrebbe essere aperto entro l’estate del 2016.

Documenti e link

Ultimo aggiornamento pagina: 09.06.2016, 08:53