Locarno Città europea della Riforma

Seguendo l’invito della Comunità Evangelica Riformata di Locarno e dintorni la Città di Locarno ha chiesto di aderire alla rete internazionale delle Città europee della Riforma, istituita dalla Comunione di Chiese protestanti in Europa. La candidatura è stata accolta nel febbraio 2017.

La Riforma protestante ha segnato in modo particolare la storia di Locarno, che all’epoca era un baliaggio confederato.

A Locarno si formò negli anni 1540 un movimento riformato che diede velocemente vita a una comunità di ispirazione riformata. Alla comunità non fu però concessa libertà di fede. Nel 1555 ai riformati fu imposto di scegliere tra l’abiura e l’esilio. La maggioranza scelse di emigrare a Zurigo, dove fu accolta. L’esilio imposto ai riformati è rimasto impresso indelebilmente nella memoria di Locarno.

Nel Locarnese la Comunità Evangelica Riformata è nuovamente presente dalla fine dell’Ottocento e conta attualmente tre chiese a Locarno, Ascona e Muralto.

Nell’anno (2017) in cui si commemorano i 500 anni dalla pubblicazione delle testi di Martin Lutero, il Municipio desidera sottolineare come Locarno ha saputo superare le antiche e profonde lacerazioni per proporsi come luogo di riconciliazione, di pace e di integrazione.

Il Programma

Das Programm

Vedi anche: http://www.rsi.ch/la1/programmi/cultura/segni-dei-tempi/

In questo contesto, al Museo civico e archeologico del Castello visconteo si può visitare (MA-DO 10-12 / 14-17) una nuova sezione permanente dedicata alla storia della Riforma protestante nel Locarnese (dal 6 novembre al 31 marzo la mostra è visitabile solo su appuntamento).

Ultimo aggiornamento pagina: 28.09.2017, 14:37