Più coinvolgimento, ascolto e spazi per una Locarno amica dei giovani

30.05.2024

Con l'obiettivo di avviare un dialogo costruttivo e implementare le azioni necessarie per migliorare la qualità della vita delle giovani generazioni nel Locarnese, mercoledì 29 maggio sono stati presentati pubblicamente i risultati della ricerca che un gruppo di ragazze e ragazzi della regione del Verbano ha svolto, intervistando più di 270 coetanei.

Porta il nome “LoGiICo” (Locarnese Giovani Insieme Costruiamola) l’importante iniziativa di ricerca partecipata dedicata al benessere e alle opportunità di vita dei giovani nel Locarnese. Un progetto sostenuto dalla Città di Locarno con il supporto di Radix Svizzera Italiana e della Prossimità del Locarnese, sviluppato nel contesto del programma cantonale di promozione dei diritti, di prevenzione della violenza e di protezione dei bambini e giovani (0-25 anni) 2021-2024.

L’obiettivo principale di “LoGiICo” è stato quello di indagare le condizioni di vita dei giovani nel Locarnese, identificando sia gli aspetti positivi che quelli critici. Per raggiungere tale obiettivo si è promosso un approccio di ricerca tra pari, coinvolgendo i giovani stessi come ricercatori, ciò che ha permesso di ottenere una visione autentica e diretta delle loro esperienze quotidiane.

Nel concreto, il progetto ha coinvolto un gruppo di 10 giovani ricercatrici e ricercatori di età compresa tra i 16 e i 20 anni, che ha condotto interviste con coetanei e altri giovani della comunità, raccogliendo dati significativi sui temi del benessere, della sicurezza, del divertimento e della partecipazione alla vita sociale e culturale del territorio.

  • Benessere generale: La maggior parte dei giovani intervistati si sente bene nel Locarnese, riconoscendo il territorio come un luogo sicuro e divertente. Tuttavia, una percentuale significativa lamenta la mancanza di opportunità e di spazi dedicati.
  • Partecipazione e ascolto: Solo il 2% dei giovani si sente ascoltato dal Comune, evidenziando una forte disconnessione tra le istituzioni e le nuove generazioni. Molti giovani esprimono il desiderio di essere maggiormente coinvolti nelle decisioni che li riguardano.
  • Utilizzo degli spazi pubblici: Il 71% dei giovani si sente libero di utilizzare gli spazi pubblici, ma il 47% ha riportato episodi in cui è stato allontanato. Gli spazi maggiormente frequentati includono piazza Grande, il lago e la Rotonda.
  • Proposte per il futuro: Le principali richieste dei giovani riguardano l’apertura di nuovi spazi di aggregazione, un maggiore coinvolgimento nelle decisioni e un miglioramento dei trasporti pubblici. Sono emerse anche la necessità di proporre eventi più orientati ai giovani e di mostrare una maggiore tolleranza e un migliore ascolto da parte degli adulti.

In base ai risultati ottenuti, il progetto delinea diversi percorsi di lavoro, tra cui lo sviluppo di una strategia a lungo termine per i giovani, che preveda la partecipazione attiva dei giovani stessi nelle decisioni. Ma anche la necessità di sensibilizzare gli adulti e l’amministrazione comunale sui temi dell’adolescenza e delle necessità giovanili, superando stereotipi e pregiudizi. Così come la necessità di rivedere l’organizzazione degli spazi pubblici per renderli più accessibili e adatti ai ragazzi.

Nancy Lunghi, capa dicastero Socialità, Giovani e Cultura, informa che “consapevole che le proposte di “LoGiICo” rappresentano un passo importante verso la costruzione di una comunità più inclusiva e attenta ai bisogni dei giovani, il Municipio intende integrarle nel processo di ricertificazione UNICEF “Comune amico dei bambini”, quali nuovi assi strategici del piano d’azione 2025-2029, cercando dunque di dare delle risposte concrete ai bisogni emersi già durante l’attuale legislatura”.

Maggiori informazioni sul progetto si possono trovare sulla pagina che la Città di Locarno dedica al progetto e che è raggiungibile all’indirizzo: www.locarno.ch/logiico.

- Comunicato
- Prestazione dei risultati della ricerca