Un’oasi per ampliare la scuola dell’infanzia dei Saleggi

05.09.2019 - 00:00

L’OASI dell’architetto Fabio Sestito di Lugano è risultato la soluzione migliore, proponendo un volume ad un solo piano fuori terra. Si invita tutta la popolazione a prendere visione della varietà e della qualità delle proposte fino al 20 settembre al Palexpo, dopo l’inaugurazione prevista il prossimo 6 settembre alle ore 18.00. Il Municipale e Presidente della Giuria Bruno Buzzini: “Non era facile accostarsi alla funzionalità e all’armoniosità di Dolf Schnebli. L’OASI di Sestito risulta la soluzione migliore per un ampliamento che aggiunga valore a quanto esiste già, aumentando la capacità di accoglienza dei giovani allievi all’inizio del proprio percorso di scolarizzazione”. Soddisfazione anche da parte di Davide Giovannacci, Capo del Dicastero Finanze e Logistica: “La formazione è una priorità per la Città, quindi anche gli edifici ad essa dedicati devono essere adeguati e curati. Nei prossimi anni investiremo molto nell'edilizia scolastica: dopo questa prima tappa – nella quale dal profilo finanziario si è rispettato il preventivo iniziale - nei prossimi mesi dovrebbe pure giungere sui tavoli del Legislativo un messaggio per la progettazione del risanamento della sede di Scuola elementare di Solduno, che spero porti ad una soluzione altrettanto valida.”

Sulla scorta dei dati di previsione dell’ordinamento scolastico, come anche della stima dell’evoluzione della popolazione cittadina, nel 2016 il Municipio ha deciso di potenziare con ulteriori 2 sezioni gli spazi a disposizione della scuola dell’infanzia dei Saleggi (attualmente ospitate presso la Scuola elementare dei Saleggi), promuovendo un concorso a procedura libera per reperire la soluzione migliore che si affiancasse all’edificio progettato e realizzato nel 1973 dall’architetto svizzero Dolf Schnebli, che oltre a far parte dei beni culturali protetti, risulta tuttora estremamente valido e adatto alle esigenze dei più piccoli.

Il concorso ha visto la partecipazione di 42 architetti provenienti da tutto il territorio ticinese e anche da altre parti della Svizzera. Considerato lo spazio a disposizione e il valore di quanto costruito nel 1973, il Municipio e la Giuria hanno potuto apprezzare l’inattesa varietà e ricchezza delle soluzioni giunte dai partecipanti al concorso, come anche una grande qualità e propositività.

L’OASI, dell’architetto Fabio Sestito di Lugano, è stato ritenuto quale soluzione migliore: proponendo un volume ad un solo piano fuori terra che ha convinto per dimensioni, spazi e scelta dei materiali, come anche inserendo adeguatamente nuovi elementi interessanti, quale la superficie per orti didattici. L’OASI presenta una buona cura della qualità architettonica, una buona funzionalità e dialoga molto bene con il contesto esistente.

Benché non fosse previsto che i partecipanti formulassero un preventivo dei costi di implementazione dei progetti, in base alle volumetrie e alla tipologia di costruzione la Giuria ritiene che l’importo indicato nel MM 10 (ovvero 3'525'000.- chf) sia in linea con i costi legati alla soluzione scelta.

L’OASI, sono stati premiati i seguenti progetti:

  • TED, dell’architetto Massimo Marazzi di Chiasso
  • Innesto, dell’architetto Francesco Buzzi, di Locarno
  • CUBO AL QUADRATO, dell’architetto Andre Molteni di Lugano
  • 2UP, dell’architetto Mattia Beltraminelli di Bellinzona
  • CIP E CIOP, dell’architetto Attilio Panzeri di Lugano
  • less is more, dell’architetto Verusca Herrmann-Pisoni di Ascona
  • Il giardino dei bambini, dell’architetto Filippo Santoni di Zurigo

Tutta la popolazione è invitata alla presentazione pubblica dei progetti e all’apertura dell’esposizione che avrà luogo venerdì 6 settembre alle ore 18:00 presso la sala al 1° piano del Palexpo in Via alla Peschiera, come anche a visitare l’esposizione dal 7 al 20 settembre, con orario di apertura quotidiano dalle ore 14:00 alle 19:00 (domenica esclusa).

Il Municipio procederà ora celermente ai prossimi passi per un’implementazione tempestiva del progetto, che costituisce un importante tassello verso un’offerta di spazi adeguati per accogliere tutti gli studenti nelle varie fasi della scolarizzazione ed andrà a coprire il fabbisogno attuale per la scuola dell’infanzia, senza però garantire che in futuro non vi sia necessità di ulteriori spazi.

Nei prossimi anni il Comune investirà molto nell'edilizia scolastica: prossimamente infatti dovrebbe pure giungere sui tavoli del Legislativo il messaggio per la progettazione (fase di concorso) del risanamento della sede di Scuola elementare di Solduno.

Il Municipio coglie l’occasione per ringraziare tutti i partecipanti, i membri della giuria, il coordinatore ed i collaboratori dei Servizi del territorio per l’ottimo risultato raggiunto.

Per ulteriori informazioni:

  • Bruno Buzzini, Municipale e Presidente della Giuria
  • Davide Giovannacci, Municipale e Capo del Dicastero Finanze, Logistica e Informatica