Zona di pianificazione Quartiere Monte Bré – Le precisazioni del Municipio

02.10.2019 - 00:00

Preso atto della presa di posizione del comitato Salva Monte Brè, dove si accusa l’Esecutivo di temporeggiare intenzionalmente nella formalizzazione della zona di protezione allo scopo di avvantaggiare i promotori del progetto che interesserebbe il quartiere, il Municipio smentisce in maniera categorica le accuse, prive di fondamento, e rassicura nuovamente la popolazione in merito all’imminente arrivo della zona di pianificazione, effettuate le dovute verifiche.

Lo scorso 19 luglio, il Municipio di Locarno ha annunciato la decisione di istituire una zona di pianificazione che interessasse il quartiere Monte Brè. Nel comunicato stampa, il Municipio ha comunicato che “il mandato per l’allestimento della documentazione necessaria alla formalizzazione della zona di pianificazione è stato affidato ad un pianificatore qualificato, che potrà interagire con i competenti servizi comunali e cantonali e giungerà verosimilmente alla formalizzazione della zona di pianificazione durante il prossimo mese di settembre”. Attualmente e come previsto, il pianificatore ha consegnato una parte dell’analisi ed ha annunciato la consegna del complemento richiestogli entro venerdì 4 ottobre, quindi tra due giorni, rispettando così la tempistica annunciata (che pure conteneva l’avverbio verosimilmente proprio per contemplare la necessaria flessibilità, comprensibile nel caso di un’analisi completa, approfondita e accurata volta a salvaguardare una zona per un periodo di 5 anni, solida anche di fronte a possibili ricorsi). L’incarto sarà subito trasmesso al Dipartimento del Territorio come previsto dall’art. 82 del RLST: contrariamente a quanto scritto dal comitato, non si può infatti prescindere da tale avviso.

Il Municipio smentisce fermamente le gravi illazioni contenute nella comunicazione del comitato, come il fatto che “il pianificatore ha terminato il suo lavoro”, oppure che “come sapete, visto che ve l‘hanno annunciato il 7 agosto, una domanda di licenza edilizia dovrebbe essere presentata all’inizio di questo mese”. In entrambi i casi si tratta di informazioni che non corrispondono assolutamente alla verità e insinuano l’ingiusto e ingiustificato sospetto che vi siano ulteriori interessi che esulino dalla cosa pubblica. In particolare è falso ipotizzare che il Municipio tergiverserebbe con l’istituzione della zona di pianificazione per favorire la presentazione della domanda di costruzione da parte dei promotori immobiliari. La zona di pianificazione è in fase di allestimento e rispetta l’iter previsto dalla legge come pure i tempi preannunciati, senza nessun rallentamento. Non da ultimo, nel caso in cui una domanda dovesse effettivamente essere presentata, il Municipio potrà emanare una decisione sospensiva a salvaguardia della pianificazione. Ciò conferma la buona volontà del Municipio di procedere a tutti i passi che conducono alla salvaguardia del territorio nel modo migliore e più accurato possibile, rispettando la volontà popolare dei cittadini che hanno sottoscritto l’iniziativa.

Preso atto che quanto comunicatoci (e comunicato ai mezzi di informazione) non corrisponde al vero e potrebbe minare la fiducia della popolazione nei confronti dell’Amministrazione comunale di Locarno, il Municipio non può che condannare i toni e i contenuti allarmisti scelti dal comitato e lo richiama al senso di responsabilità ritenuto che siamo solo ai preliminari dell’iter pianificatorio richiesto dall’iniziativa. Pertanto l’Esecutivo, smentendo nella maniera più categorica le accuse di procrastinare intenzionalmente l’adozione della già decisa zona di pianificazione, richiama il comitato ad una comunicazione veritiera e meno speculativa, rassicurando nel contempo tutta la popolazione sull’imminente implementazione della zona di pianificazione.

Per ulteriori informazioni: Alain Scherrer, Sindaco, Scherrer.Alain@locarno.ch