Luce verde dal Cantone per la pianificazione di un nuovo autosilo pubblico a Solduno

11.12.2020

Il Dipartimento del Territorio ha trasmesso al Comune il suo esame preliminare sulla variante al Piano particolareggiato del Centro Tradizionale di Solduno, relative all’inserimento di un autosilo nelle vicinanze del nucleo storico. Rilasciata pure la licenza edilizia per l’autosilo ai Monti

Da alcuni anni il Municipio ha varato una politica dei posteggi pubblici finalizzata al recupero e alla valorizzazione di spazi in superficie nel centro urbano e nei quartieri. In tal senso, sono stati individuati sedimi idonei ad accogliere delle strutture di parcheggio interrate, da un lato per spostare i posti auto esistenti, mentre dall’altro con l’obiettivo di coprire il fabbisogno laddove risulta una palese carenza.

Il caso di Solduno è emblematico per entrambi i temi, con la piazza principale adibita ad area di parcheggio e l’assenza di stalli destinati agli abitanti del nucleo. Due anni or sono è stata avviata una variante al Piano regolatore particolareggiato del Centro Tradizionale di Solduno, attribuendo la destinazione di parcheggio interrato pubblico al terreno comunale posto all’incrocio tra via Vallemaggia e via Streccione, a sud dell’area cimiteriale. La sua posizione, in vicinanza della piazza e di altre strutture d’interesse pubblico (la chiesa, le scuole elementari, la scuola popolare di musica ecc.) appare ideale, anche il relazione alla sua accessibilità.

La proposta di variante, sottoposta al Dipartimento del territorio nell’aprile 2019, è stata ora giudicata in modo sostanzialmente favorevole dai competenti servizi cantonali che chiedono una serie di approfondimenti nell’ambito della redazione dei documenti definitivi. In particolare, andrà giustificata in modo più preciso la scelta della sua ubicazione, in relazione alla vicinanza della chiesa parrocchiale e alla presenza dell’area archeologica della necropoli di Solduno. Questi aspetti saranno considerati nell’ambito di uno studio di fattibilità che affronterà anche gli elementi di carattere urbanistico ed architettonico da contemplare nel futuro progetto della struttura, incluso lo spazio pubblico soprastante che garantirà il collegamento con la piazza di Solduno.

Il Municipio è molto soddisfatto della risposta del Cantone, ed è convinto che la variante di piano regolatore permetterà di conferire qualità e pregio a tutto il comparto del centro tradizionale di Solduno, che proprio di recente è stato oggetto di importanti lavori di infrastruttura, con il recupero della vecchia pavimentazione in pietra che lo caratterizzava.

Contemporaneamente, il Municipio ha pure il piacere di annunciare il rilascio della licenza edilizia per il nuovo autosilo di Locarno Monti, un’opera attesa da tempo che permetterà la valorizzazione di un importante quartiere della Città.

Per ulteriori informazioni: Paolo Caroni, Vicesindaco e Capodicastero pianificazione e edilizia privata