Progetti correlati

Il progetto PalaCinema non ha distolto l'attenzione dal Palazzetto Fevi (dal 2017 denominato Palexpo Locarno), struttura parimenti fondamentale per il Locarno Festival. Con decisione del Consiglio comunale del 9 febbraio 2015 la Città ha infatti acquisito, investendo 2,6 milioni di Fr., la struttura. Quasi 4 milioni saranno invece spesi per opere di ammodernamento del complesso.

Se il PalaCinema consentirà al Festival di poter disporre, fra le altre cose, di tre nuovissime sale per le proizioni, dotate della tecnologia più recente, il Palexpo Locarno garantisce la sala cinematografica di maggiori dimensioni della manifestazione (omologata per 3.200 persone).

Una capienza di fondamentale importanza tanto per le proiezioni diurne quanto per quelle serali, quando in Piazza Grande sono compromesse dalla pioggia.

Con l'acquisizione-ristrutturazione del Palexpo da parte della Città – e, parallelamente, la realizzazione del PalaCinema – Locarno Festival usufruirà di ulteriori valori aggiunti, ponendo rimedio al problema della carenza di strutture, finora il maggior limite di questo evento.

Per il Palexpo sono da prevedere interventi e investimenti sul corto e sul lungo termine, da effettuare in accordo con il Festival. Lavori che in prima battuta migliorano la sicurezza (accessi, uscite d'emergenza, illuminazione, ecc.) e il comfort generale del complesso (nuovi impianti di aria condizionata, servizi igienici, atrio d'accoglienza, ecc.).

Parallelamente alla messa in atto di questi interventi prioritari (in parte già eseguiti nel 2017), si procederà con un concorso d'architettura che dovrà permettere di stabilire i criteri per migliorare non solo l'aspetto logistico della struttura, ma pure quello estetico. Tale concorso dovrebbe inoltre fornire delle indicazioni anche per la sistemazione delle aree limitrofe al Palexpo.

Le opere di miglioria previste dovranno, fra le altre cose, assicurare una qualità ottimale delle proiezioni del Festival e della funzionalità della sala, in particolare attraverso l'ingrandimento dello schermo (ottenibile con l'innalzamento del tetto della struttura).

Come detto, questI interventi saranno il frutto di un concorso d'architettura che consentirà di ripensare l'intero involucro del Palexpo con le sue adiacenze.

La «Via del Pardo» – Piazza Grande-PalaCinema-Palexpo Locarno – rappresenterà così idealmente il cordone ombelicale per l'ancoraggio del Festival alla Città, al Locarnese e al Cantone Ticino.

Da considerare inoltre che il Palexpo Locarno, grazie alle sue capienti sale, potrà continuare ad essere anche la sede ideale per accogliere diverse manifestazioni e congressi. L'intenzione è di promuovere questi eventi in sinergia con l’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli.

Ciò permetterà alla Città di ancor più delinearsi nelle sue specificità culturali e turistiche, potenziando l’offerta in quest’ambito dell’intera Regione con importanti ricadute economiche.

Documenti e link

Ultimo aggiornamento pagina: 16.10.2017, 16:44